il coro

Nasce nel 1971 con il nome di “Coro Monte Asolone” dalla volontà di un gruppo di amici e da subito raccoglie un buon numero di cantori da tutto il circondario.

Dopo le prime timide uscite ed il gemellaggio con la corale “Rocciamelone” di S. Antonino di Susa, incontra complessi corali sempre più importanti, e ciò lo porta ad affinare una propria sensibilità canora che diverrà la principale caratteristica del gruppo.

Comincia allora, pur senza l’abbandono della classica canzone di montagna, ad affrontare i grandi temi del folklore italiano ed internazionale; segno di questo è il cambio del nome con quello attuale “Coro Ezzelino” e l’incisione del primo LP “Sentire cantando”, a coronamento di un particolare lavoro di vocalità e di scelta stilistica.

Arrivano i primi riconoscimenti, come il secondo posto al concorso nazionale di Adria nel 1976 e le tournée che lo portano con molto successo di pubblico e di critica in Germania, Austria, Jugoslavia, Svizzera, Francia, Israele, Slovacchia, Spagna e Brasile.

Dal 1977 organizza con competenza e notevole successo la rassegna corale e di folklore internazionale “Cori a Cà Cornaro” che vede la partecipazione di gruppi provenienti da tutto il mondo (Russia, Romania, Bulgaria, Croazia, Slovenia, Francia, Filippine, USA, Mongolia, Brasile, Perù, Portogallo, Israele ecc.).

Incide un secondo disco (Sentire cantando n° 2) sempre ben accolto da pubblico e critica. Nel 2001 incide il 3° CD, mantenendo sempre nella serie il titolo “Sentire cantando n°3.

Fin dalla sua nascita è stato diretto dal maestro Silvio Farronato, venuto a mancare nel maggio del 2004. Il suo posto è stato preso prima da Ignazio Gloder, fino  al 2008, in seguito da Barbara Baggio, Alessandro Simonetto, Cesarino Negro e infine, dal 2013, da Renata Bianchin che con entusiasmo ha assunto la direzione del coro, portando avanti con maestria la tradizione canora del gruppo, apportandovi nuove idee e nuovi brani musicali.

Welcome to ladbrokes bonus codes information.